Crea sito

IL FRATE PERFETTO

E’ difficile vivere in famiglia, è difficile vivere in comunità, è difficile vivere nella società che sta diventando sempre più eterogenea. Ma dovremmo imparare da San Francesco d’Assisi che non ha dubbi nell’affermare che ognuno di noi ha qualche talento, chi più chi meno, chi di un tipo chi di un altro, e che da soli non bastiamo a noi stessi. Saremo sempre incompleti fino a quando non uniremo le nostre qualità con quelle delle altre sorelle e altri fratelli per dare vita al “frate” perfetto.

E diceva che sarebbe buon frate minore colui che riunisse in sé la vita e le attitudini dei seguenti frati: la fede di Bernardo, che la ebbe perfetta insieme con l’amore della povertà; la semplicità e la purità di Leone, che rifulse veramente di santissima purità; la cortesia di Angelo, che fu il primo cavaliere entrato nell’Ordine e fu adorno di ogni gentilezza e bontà; l’aspetto attraente e il buon senso di Masseo, con il suo parlare bello e devoto; la mente elevata nella contemplazione che ebbe Egidio fino alla più alta perfezione; la virtuosa incessante orazione di Rufino, che pregava anche dormendo e in qualunque occupazione aveva incessantemente lo spirito unito al Signore; la pazienza di Ginepro, che giunse a uno stato di pazienza perfetto con la rinunzia alla propria volontà e con l’ardente desiderio d’imitare Cristo seguendo la via della croce; la robustezza fisica e spirituale di Giovanni delle Lodi, che a quel tempo sorpassò per vigoria tutti gli uomini; la carità di Ruggero, la cui vita e comportamento erano ardenti di amore; la santa inquietudine di Lucido, che, sempre all’erta, quasi non voleva dimorare in un luogo più di un mese, ma quando vi si stava affezionando, subito se ne allontanava, dicendo: Non abbiamo dimora stabile quaggiù, ma in cielo.

(Dalle Fonti Francescane n. 1782)